Attività professionale disciplinata ai sensi della l. 4/2013

 

 

Prana e Pranayama

Quando il respiro è affannoso anche la mente è instabile. Ma quando il respiro si calma anche la mente lo fa, e lo yogi raggiunge lunga vita. Pertanto, si deve imparare a controllare il respiro.
(Hatha Yoga Pradipika)
 
Cos'é il Prana?
Il prana è la somma totale di tutta l'energia manifesta nell'universo. È la forza vitale, o sukshma. Il respiro è la manifestazione esterna del prana. Esercitando il controllo sul respiro grossolano, potete controllare il prana sottile all'interno. Controllo del prana significa controllo della mente. La mente non può operare senza l'aiuto del prana. Il sukshma prana è intimamente connesso con la mente. Il prana è la somma totale di tutte le forze latenti nascoste negli uomini e che si trovano ovunque attorno a noi. Calore, luce, elettricità, magnetismo sono tutte manifestazioni del prana. Il prana è connesso alla mente; tramite la mente alla volontà; tramite la volontà all'anima individuale; e tramite questa all'essere supremo. La sede del prana è il cuore. Il prana è uno, ma ha molte funzioni da svolgere. Quindi prende cinque nomi, secondo le diverse funzioni che compie, cioè: prana, apana, samana, udana e vyana. Questi occupano certi posti nel corpo, secondo le diverse funzioni che compiono. Il respiro diretto dal pensiero, sotto il controllo della volontà, è una forza vitalizzante e rigenerante, che può essere coscientemente utilizzata per l'autosviluppo, per guarire molte malattie incurabili e per molti altri scopi utili. Gli hatha yogi considerano il prana tattva superiore al manas tattva (mente), poiché il prana è presente anche quando la mente è assente, durante il sonno profondo. Quindi, il prana svolge una parte più vitale della mente. Se saprete come controllare le piccole onde di prana che operano attraverso la mente, allora conoscerete il segreto per soggiogare il prana universale. Lo yogi che diventa esperto nella conoscenza di questo segreto non ha paura di nessun potere, perché ha il dominio su tutte le manifestazioni di potere nell'universo. Quanto è comunemente conosciuto come ' potere della personalità ' non è altro che la capacità naturale che una persona ha di amministrare il suo prana. Nella vita, alcune persone sono più influenti e affascinanti di altre. Tutto ciò è dovuto al prana, che lo yogi usa coscientemente col comando della sua volontà. Avendo acquisito un'esauriente conoscenza della sede delle nadi e dei vayu, con le loro funzioni, uno deve iniziare la purificazione delle nadi. Una persona che possiede yama e niyama, evitando ogni compagnia, avendo finito il suo corso di studio, deliziato nella Verità e nelle virtù, avendo conquistato la collera, impegnato nel servizio del suo precettore spirituale e ben istruito in tutte le pratiche religiose, deve andare in un posto solitario per fare yoga abhyasa.
La purificazione delle nadi (nadi suddhi) è una cosa importante nei primi stadi dello yoga. Se ci sono impurità nelle nadi, l'ascesa di Kundalini nella sushumna è seriamente ritardata. La purità delle nadi facilita l'ascesa di Kundalini. Il pranayama determina la veloce purificazione delle nadi. Nadi suddhi è la base dello yoga; è il fondamento dello yoga; è la prima parte dello yoga. Come, se potete fermare il volano del motore, potete fermare tutte le altre ruote della fabbrica, così, se potete fermare le funzioni di tutti gli altri organi del corpo, controllando il respiro potete avere il controllo del sottile prana psichico. Questa è la ragione per cui viene prescritto il pranayama per controllare il prana. Il prana è il soprabito della mente. Se potete controllare il prana, potete controllare anche la mente e il virya (seme); perché prana, virya e mente sono sotto un unico collegamento (sambandha). Se potete controllare la mente, il respiro cessa da sé; il prana viene sotto controllo. Come c'è un sistema nervoso nel grossolano corpo fisico, così c'è un sistema nervoso nel corpo astrale. Il sistema nervoso del corpo fisico è sthula prana; il sistema nervoso del corpo astrale è sukshma prana. C'è un'intima connessione tra questi due prana; c'è interazione tra questi due prana. Controllando l'atto del respiro, potete controllare efficacemente tutte le varie funzioni del corpo. Potete controllare e sviluppare molto facilmente e velocemente corpo, mente e anima. Cura psichica, telepatia, chiaroveggenza, lettura del pensiero e altri siddhi sono effetti del controllo del prana. Il processo per cui il prana è controllato mediante la regolazione del respiro è chiamato 'pranayama'. È attraverso il pranayama che potete controllare le vostre circostanze e il vostro carattere, e armonizzare coscientemente l'universale vita individuale con la vita cosmica.
 
[tratto da Kundalini Yoga - Swami Shivananada]