Attività professionale disciplinata ai sensi della l. 4/2013

 

 

Shirshàsana

N.B.: Qualsiasi pratica yoga va eseguita esclusivamente sotto la guida di un Insegnante qualificato.
 
Nella letteratura yoga la posizione sulla testa ha differenti denominazioni: chiamiamo Shirshàsana la posizione classica come la vediamo nella foto.
Shirshàsana, la posizione sulla testa, é senza dubbio la più celebre di tutte le posizioni yoga; tanto celebre che per il pubblico lo yoga é quasi sinonimo di 'mettersi sulla testa'. Deve forse la sua rinomanza alla insolita positura o perchè gli yogi la considerano la regina delle àsana? Che importa! Per coloro che non praticano yoga é da insensati mettersi sulla testa "Rischiare di rompersi il collo. Ci mancherebbe altro. E non é forse cosa nociva avere il sangue alla testa?"
[...]
Noi pensiamo che se dovessimo praticare solo un'àsana, sceglieremo proprio Shirshàsana.
[...]
 
Benefici (solo una sintesi, per la lettura completa verrà dato il libro in prestito)
 
- colonna vertebrale
 
L'azione di Shirshàsana raggiunge la colonna vertebrale, grazie alla posizione che il sostentamento di tutto il peso del corpo sul cranio obbliga a imporre, e specialmente l'articolazione della quinta vertebra lombare e del sacro sul quale riposa tutto l'edificio dello scheletro. Quando la posizione sulla testa é praticata con il perfetto equilibrio, automaticamente le vertebre lombari si pongono in posizione normale, giusta. Shirshàsana elimina quindi il 'mal di reni' causati dalla stazione eretta mantenuta troppo a lungo.
 
- muscoli
 
durante la fase dinamica la muscolatura addominale e della schiena viene ad essere rafforzata insieme a quella della braccia e del collo. Nella fase statica invece si cerca di eliminare ogni tensione muscolare.
 
- circolazione sanguigna
 
Shirshàsana produce i suoi effetti più importanti sulla circolazione sanguigna. Oltre a quanto già spiegato nella descrizione dell'àsana riguardo gli effetti sulla circolazione, aggiungiamo che Shirshàsana accompagnata da profonde respirazioni purifica l'rganismo senza affaticare il cuore che continua a battere con calma e potenza. Shirshàsana combatte le varici e le emorroidi, se siete predisposti contribuirà a impedirne l'aggravamento e persino a eliminarle progressivamente. Shirshàsana produce effetti sorprendenti sugli organi di senso. La vista migliora perchè l'apparato visivo, e la retina in particolare, grande consumatrice di ossigeno, bene ficia di un notevole afflusso di sangue arterioso. Anche l'udito e suscettibile di qualche miglioramento.
 
- organi addominali e ghiandole endocrine
 
Shirshàsana decongestiona i visceri della parte bassa del ventre dove quasi sempre esiste una congestione permanente a causa delle sedentarietà.
Organi genitali e prostata ricevono sollievo immediato in caso di congestione. Il sistema digerente e soprattutto il fegato che soffre spesso di congestioni nascoste viene beneficiato. Nella posizione sulla testa durante la respirazione il diaframma si abbassa e spinge il fegato, comprimendolo, contro la massa delle viscere.
 
- cervello
 
[...]
L'abbondante afflusso di sangue e la conseguente schiusura dei capillari contratti, elimina come per incanto la maggior parte delle emicranee e delle cefalee.
Il cranio racchiude l'ipofisi o la ghiandola pituitaria insieme all'ipotalamo. Queste esercitano una profonda influenza su tutto il sistema endocrino. Shirshàsana regola quindi il metabolismo e contribuisce a mantenere l'organismo giovane.
 
- respirazione
 
La leggera pressione del diaframma sui polmoni per mezzo dell'aria contenuta durante la ritenzione, schiude armoniosamente gli alveoli polmonari e favorisce il passaggio dell'ossigeno attraverso la loro membrana. La ventilazione della parte alta dei polmoni immunizza dalla tubercolosi, di fatti il bacillo di Koch, responsabile della tubercolosi, muore a contatto con l'aria e l'ossigeno.
 
 
Effetti
 
Shirshàsana, migliorando la statica della colonna vertebrale, conferisce un portamento perfetto e un'andatura naturalmente sciolta e bella. Il maggior afflusso di sangue arterioso nutre la pelle del viso più della migliore crema control lerughe, che nascono prima sulla fronte e poi agli angoli degli occhi, vicino alle tempie, nelle zone meno irrigate. Grazie a Shirshàsana la pelle ringiovanisce, si rigenera, le rughe incipienti scompaiono e il volto si fa bello ed espressivo.
La salute dei capelli migliora grazie all'irrigazione ed ossigenazione del cuoio capelluto. Shirshàsana combatte l'insonnia e favorisce la circolazione sanguigna nei piedi.
 
[Tratto da:  Imparo lo Yoga - Andrè Van Lysebeth]